S.U.C.A.
Scorre Un Caldo Amore


quod me nutrit me destruxit
shooting fotografico performance installazione
Scorre Un Caldo Amore di Alessandro Baldi © 2013

[palingenesi dissacrante]
il [sistema] è degenerato. l’opera si [rivolta] non è visibile al pubblico. una [protesta]. [opere] faccia al muro. tolta la maschera [non cerca sollievo] e le viscere e il [cuore] colano, una [mela] un [macete] e l’ingenua follia. [ci si arma di amuleti]. alla fine di quel gesto trattiene solo il [ricordo]. qui non c’è [offesa] questa non è [violenza]. [scorre un caldo amore].

nudu e crudu ci iu pi dappessu
«arrassati di mia mmalidittu». c’arrispunniu..
«palermu, si mancia la só stissa grascia.
‘un mi nni duna nuddu, cuntu, né raggiuni.
chiùiti l’uocchi.. attuppati l’aricchi.. mi dicianu..
nni manciamu tra nuatri, nzoccu mi togli
tagli!
orfanu vinni e tu’ ma pó sulu sucari».

[tratto da S.U.C.A. - testo © Alessandro Baldi]
foto di: Irene Vassallo

me@alessandrobaldi.it